Con poca vitamina D aumenta la pressione

(Am J Hypertens 2007; 20: 713-9)

I livelli sierici di 25(OH)D sono inversamente correlati alla pressione. La correlazione inversa risulta maggiormente potente nei soggetti dai 50 anni in su rispetto a quelli più giovani. L'approssimazione secondo BMI indebolisce la correlazione, ma essa comunque permane significativa per quanto riguarda la pressione sistolica. Le differenze etniche nei livelli di 25(OH)D spiegano circa la metà dell'incremento della prevalenza dell'ipertensione nella razza nera non ispanica rispetto alla razza bianca. I livelli di vitamina D possono essere facilmente incrementati tramite un modesto aumento dell'esposizione al sole o la somministrazione di integratori, ma gli effetti in questo ambito vanno prima confermati tramite ampi studi interventistici.

News

Info

Richiedi qualsiasi informazione sulle nostre diete

Richiedi informazioni

Pagamenti sicuri

Acquista in modo sicuro con la garanzia di Paypal

Metodi di pagamento

Questo sito web utilizza Google Analytics per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso di questi cookie leggi qui Accetta